Latest Album

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut rhoncus risus mauris, et commodo lectus hendrerit ac.

banner
RORY ROLLINS

Blog

Debbie Harry Released Debut Album “KooKoo” 40 Years Ago Today

UK/IT Version – KOOKOO: HOW  DEBBIE HARRY’s EXTRATERRESTIAL DEBUT BROKE ALL THE RULES.
With assistance from macabre Alien visual artist HR Giger, Chic’s Nile Rodgers, and members of Devo, the Blondie frontwoman’s first solo LP is as gripping as you’d expect – here’s why the fascinating puzzle deserves a deeper listen 40 years on.

It was the summer of 1981 and Blondie were coming off five albums in five years hitting number one on the UK Singles Chart five times. They were a pop music monarch ruling elements of punk, new wave, reggae, dance, disco, and pop – and with 1981’s “Rapture”, are even credited with the first number one single in the United States to feature rap. And across that vast spectrum, the unifying factor was Debbie Harry, the epitome of New York cool – a relentless chill, and enchanting presence. Rather than take a year off before returning for the band’s sixth record in 1982, Harry pulled Blondie guitarist and her then-boyfriend Chris Stein into the studio to record KooKoo.

Throughout, KooKoo takes on some of the best of Blondie’s multifaceted songwriting and emotive genre-hopping, and lobs it into the future. No simple harbinger of punk or new wave signpost, KooKoo further extends Blondie’s already bold and multifaceted approach and refuses to play by the rules of the pop charts or the indie underground. On the record’s 40th anniversary, its mystic strangeness and approachable funk both retain their resonance and require deep listening.

ALBUM COVER BY HR GIGER (THAT WAS DEEMED TOO SCARY TO ADVERTISE IN LONDON)
One look at the album cover for KooKoo and it’s clear that Harry never envisioned her solo debut as a pure pop crossover. On the sleeve, the vocalist stares straight ahead, regal and expectant, an icy diadem perched on her head – and four medieval-looking skewers pierced throughout the left side of her head and sticking out the other end. Based on a photo taken by Brian Aris, the final image was painted by none other than HR Giger, the visual artist best known for his biomechanical sculptures, set design, and creature design for Alien.
The idea for the KooKoo cover, as Giger explains it on his website, came from an acupuncture session: “The idea of the four needles came to me, in which I saw symbols of the four elements, to be combined with her face.” While that medical background may be a little less grotesque than may be expected from the macabre Giger, the final product is still subversively evocative, disturbing and beguiling at the same time. When it came time to promote the record, Stein reports that decision-makers wouldn’t allow the image to be posted in ads on the London Underground.

A CHIC PRODUCTION TEAM
The multitalented production team for Harry’s audacious experiment turned out to be Nile Rodgers and Bernard Edwards of Chic. While Rodgers would go on to build a resume that solidifies him as an all-time legend, KooKoo came before his work with the likes of Bowie, Madonna, The B-52’s, and Duran Duran, a sort of testing group for infusing R&B and dance into rock music. The connection appears to have been made when Blondie recorded 1979’s Eat to the Beat at the Power Station, a hotbed studio from which unexpected collaborations sprung – such as the Power Station supergroup, featuring “Addicted to Love” and “Simply Irresistible” singer-songwriter Robert Palmer alongside members of Duran Duran and Chic.

Rodgers and Edwards not only produced KooKoo, but penned tracks for Harry as well. Harry slyly saunters over their thumping, bass-driven “Surrender”, while “The Jam Was Moving” gives the vocalist space to growl and exhort. Where Blondie previously dabbled in rap, the production for “Rapture” (all disco clap-along rhythm and church bells) never reached the rippling grooves that Rodgers and Edwards channel here.

THE USUAL SUSPECTS
As if two beloved and well-respected musical duos in the studio (Harry-Stein and Rodgers-Edwards) wasn’t enough, backing vocals on the album are credited to Spud and Pud Devo, not-so-subtle pseudonyms for Mark Mothersbaugh and Gerald Casale of fellow punk/new wave experimentalists Devo.

As punk shattered in many different directions in the 1970s, Blondie and Devo stood on very different but equally influential shards, steering punk away from the machismo and leather jackets and drawing in everything from electronic music and dance to synthpop. Both bands share an astute eye for pop structures as well, as seen in their ability to top charts. Here, the squared off, nasal harmonies and barking sound effects on “Jump Jump” similarly show that KooKoo isn’t all sheen, Harry and her collaborators building a new language rather than attempting to assimilate into another.

BLONDIE GOES BRUNETTE
In the years leading up to KooKoo, Blondie had plenty of fun, engaging music videos, most of which featured Harry looking fiercely glam, front and centre. Clips for tracks like “Hanging on the Telephone”,  “Heart of Glass”, and “The Tide Is High” all featured performance footage intercut with close-ups of Harry’s takes to camera, her trademark platinum hair becoming the perfect frame.
But when it came time to put together videos for the two KooKoo singles, she and Giger cooked up something decidedly different. The video for “Backfired” opens with Giger himself piercing an Egyptian-esque sarcophagus with a series of swords, only for it to crack open, revealing a brunette Harry within–like a magician and his assistant from some eerie intergalactic circus. The clip continues as the song rides a funk rhythm and horn stabs, semi-opaque footage of Harry dancing and occasionally singing along to the lyrics, swirls of Alien-esque pipes and mesh spinning in the background.
For “Now I Know You Know”,  Harry becomes a Giger creature, donning a long black wig, facepaint, and surreal bodysuit to dance in front of more techno-organic eeriness. As the five-minute track ends, she emerges Elvira-like in a black dress and cape before fading away completely. These aren’t clips likely intended to sell a million records, but they certainly set a complete aesthetic, and one that positions Harry’s new solo artistic life far from the expectations of her “Heart of Glass” past.   (Text Lior Phillips)

Blondie on RockDream.zone

KOOKOO: COME IL DEBUTTO EXTRATERRESTRE DI DEBBIE HARRY HA INFRANTO TUTTE LE REGOLE
Con l’assistenza del macabro artista visivo di Alien HR Giger, Nile Rodgers degli Chic e membri dei Devo, il primo LP solista della frontwoman dei Blondie è avvincente come ti aspetteresti: ecco perché l’affascinante puzzle merita un ascolto più approfondito 40 anni dopo.

Era l’estate del 1981 e i Blondie uscivano da cinque album in cinque anni raggiungendo il numero uno nella UK Singles Chart cinque volte. Erano una monarchia della musica pop che governava gli elementi di punk, new wave, reggae, dance, disco e pop – e con “Rapture” del 1981, si sono persino accreditati il lusso di portare il primo singolo rap al #1 negli Stati Uniti. E attraverso quel vasto spettro di generi, il fattore unificante era Debbie Harry, l’epitome del cool newyorkese: freddo implacabile e presenza incantevole.

Piuttosto che prendersi un anno di pausa prima di tornare per il sesto disco della band nel 1982, Harry ha portato in studio il chitarrista dei Blondie, suo fidanzato di allora, Chris Stein per registrare KooKoo.

In tutto, KooKoo assume alcuni dei migliori brani compositivi e emotivi di Blondie di genere, e li lancia nel futuro. Non un semplice precursore del punk o della new wave, KooKoo estende ulteriormente l’approccio già audace e sfaccettato di Blondie e si rifiuta di giocare secondo le regole delle classifiche pop o dell’underground indie. Nel 40° anniversario del disco, la sua mistica stranezza e il funk accessibile mantengono la loro risonanza e richiedono un ascolto profondo.

LA COPERTINA DELL’ALBUM DI HR GIGER (CHE È STATA RITENUTA TROPPO SPAVENTOSA PER FAR PUBBLICITÀ A LONDRA)
Uno sguardo alla copertina dell’album per KooKoo ed è chiaro che Harry non ha mai immaginato il suo debutto da solista come un puro crossover pop. Sulla cover, la cantante guarda dritta davanti a sé, regale e in attesa, un diadema ghiacciato appollaiato sulla sua testa – e quattro spiedini dall’aspetto medievale trafitti sul lato sinistro della sua testa e che sporgono dall’altra estremità. Basato su una foto scattata da Brian Aris, l’immagine finale è stata dipinta nientemeno che da HR Giger, l’artista visivo più noto per le sue sculture biomeccaniche, la scenografia e il design delle creature di Alien.

L’idea della copertina di KooKoo, come spiega Giger sul suo sito web, è nata da una seduta di agopuntura: “Mi è venuta l’idea dei quattro aghi, in cui ho visto i simboli dei quattro elementi, da abbinare al suo viso”. Mentre quel background medico può essere un po’ meno grottesco di quanto ci si possa aspettare dal macabro Giger, il prodotto finale è ancora sovversivamente evocativo, inquietante e seducente allo stesso tempo. Quando è arrivato il momento di promuovere il disco, Stein riferisce che non avrebbero avuto il permesso che l’immagine fosse pubblicata negli annunci della metropolitana di Londra.

UN TEAM DI PRODUZIONE CHIC
Il poliedrico team di produzione per l’audace esperimento di Harry si è rivelato essere Nile Rodgers e Bernard Edwards degli Chic. Mentre Rodgers avrebbe continuato a costruire il curriculum che lo consolidava come  leggenda di tutti i tempi, KooKoo arriva prima del suo lavoro con artisti del calibro di Bowie, Madonna, The B-52’s e Duran Duran, una sorta di test per infondere R&B e ballate nella musica rock. La connessione sembra essere stata stabilita quando i Blondie hanno registrato Eat to the Beat nel 1979 al Power Station, uno studio da cui sono nate collaborazioni inaspettate, come il supergruppo Power Station, con il cantautore di “Addicted to Love” e “Simply Irresistible” Robert Palmer insieme ai membri dei Duran Duran e degli Chic.

Rodgers ed Edwards non solo hanno prodotto KooKoo, ma hanno anche scritto brani per Harry. Harry si aggira furbescamente sulla loro martellante “Surrender” guidata dal basso, mentre “The Jam Was Moving” dà alla cantante lo spazio per ringhiare ed esortare. Laddove Blondie in precedenza si dilettava di rap, la produzione di “Rapture” (tutto ritmo da discoteca e campane di chiesa) non ha mai raggiunto i ritmi increspati che Rodgers ed Edwards incanalano qui.

I SOLITI SOSPETTI
Come se due amati e rispettati duetti musicali in studio (Harry-Stein e Rodgers-Edwards) non fossero abbastanza, i cori dell’album sono attribuiti a Spud e Pud Devo, pseudonimi non così sottili per Mark Mothersbaugh e Gerald Casale dei compagni sperimentalisti punk/new wave Devo.
Mentre il punk si frantumava in molte direzioni diverse negli anni ’70, Blondie e Devo si trovavano su frammenti molto diversi ma ugualmente influenti, allontanando il punk dal machismo e dalle giacche di pelle e attirando di tutto, dalla musica elettronica e la dance al synthpop. Entrambe le band condividono anche un occhio astuto per le strutture pop, come si vede dalla loro capacità di arrivare in cima alle classifiche. Qui, le armonie squadrate e nasali e gli effetti sonori che abbaiano su “Jump Jump” mostrano allo stesso modo che KooKoo non è tutto splendore, Harry e i suoi collaboratori costruiscono un nuovo linguaggio piuttosto che tentare di assimilarsi in un altro.BIONDA DIVENTA BRUNA
Negli anni precedenti a KooKoo, Blondie ha avuto un sacco di video musicali divertenti e coinvolgenti, la maggior parte dei quali mostrava Harry con un aspetto ferocemente glam, in primo piano e al centro. Le clip di brani come “Hanging on the Telephone”, “Heart of Glass” e “The Tide Is High” presentavano tutte le riprese della performance con i primi piani di Harry, i suoi caratteristici capelli color platino diventavano la cornice perfetta.
Ma quando è arrivato il momento di mettere insieme i video per i due singoli di KooKoo, lei e Giger hanno inventato qualcosa di decisamente diverso. Il video di “Backfired” si apre con lo stesso Giger che trafigge un sarcofago in stile egiziano con una serie di spade, solo per aprirlo, rivelando una Harry bruna all’interno, come un mago e il suo assistente di un inquietante circo intergalattico. La clip continua mentre la canzone cavalca un ritmo funk, filmati semi-opachi di Harry che balla e occasionalmente canta insieme ai testi, turbinii di tubi in stile Alien e maglie che ruotano in sottofondo.
Per “Now I Know You Know”, Harry diventa una creatura di Giger, indossando una lunga parrucca nera, truccata in viso e con un body surreale per ballare di fronte ad una inquietudine tecno-organica. Alla fine della traccia di cinque minuti, emerge come Elvira con un vestito nero e un mantello prima di svanire completamente. Queste non sono clip probabilmente destinate a vendere un milione di dischi, ma sicuramente definiscono un’estetica completa e posizionano la nuova vita artistica solista di Harry lontano dalle aspettative del suo passato “Heart of Glass”.   (Testo Lior Phillips)

Blondie on RockDream.zone

No Comments

Post a Comment